Home > recensione album > Trap Them – Darker Handcrafts

Trap Them – Darker Handcrafts

Autore: Trap Them

Titolo: Darker Handcrafts

Genere: hardcore, grindcore, crust

2011

Tout court: un bagno di sangue.

senza ombra di dubbio il loro disco migliore, nonché una delle release più riuscite dell’anno in corso. vuoi per la produzione del prode Kurt Ballou (Converge), la cui influenza si sente, non solo a livello di sound, ma anche in quella, più aulica, della composizione; vuoi perché a non stare fermi un secondo- sempre a registrare o a fare live- alla fine si viene premiati; e al terzo disco esce ‘sta roba colossale, fenomenale, incredibilmente vitale: è tre giorni che me lo sto sparando a raffica: io, poi, con questi prodotti che mischiano consapevolmente furia esplosiva e momenti di lucida riflessività (abbinato a un riffing di superlativa qualità, e ho fatto pure la rima) mi sciolgo come neve al sole. occhei- lo ammetto- sarà anche perché fuori ci sono 35 bilioni di gradi, le strade sono vuote manco fossimo su Marte ed è da un po’ troppo tempo che giro in città col costume, in barba agli sguardi storti delle cameriere dei bar, ma questo dischetto di mezzora è qualcosa che mi ricarica le batterie come cristo comanda.

insomma: non aspettate oltre e ascoltatevelo (mediafire)!

“i am that goddamn’d son of a bitch!”

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: