Home > recensione album > Sterbus – Iranian Doom

Sterbus – Iranian Doom

Autore: Sterbus

Titolo: Iranian Doom

Genere: psych-rock, progressive rock, lo-fi, alt-rock, pop rock

2011

Tout court: genialata.

ragazzi che gran bel pezzo di disco che ci ha mollato lo Sterbus, che nella vita vera si chiama Emanuele Sterbini, e ci capisce di musica e la sa pure fare senza chiedere aiuto a nessuno. tranne che a Garage Band (ebbene sì, proprio quello). giuro: l’ha registrato da solo con Garage Band ed è uscito ‘sto popo’ di lavoro qui, che mischia in un’insalatona ricchissima Frank Zappa, il progressive, surf rock anni ’60 e un plotone di nomi indie-alt del decennio appena passato (non gli anni zero, gli anni novanta: abbiate pazienza ma io vivo ancora nel passato…). poi lo so che molti diranno “se vabbé ma quel brighella di giorni di boria lo consiglia solo perché è di Roma come lui e deva fare pubblicità alla capitale in questo momento di crisi”, ma io vi rispondo subito dicendovi che si tratta di musica buona buona, di quelle che travalica qualsiasi parrocchia, sia geografica che di genere (infatti qui ce ne stanno mescolati una decina buona, di generi). se poi vi interessa anche il folklore, aggiungo che il nostro ha suonato cogli Illuminati e gli Sweepers e una marea d’altri che se v’interessa ve l’andate a leggere sul bandcamp lincato sotto, ché mica posso sta’ a fa’ l’elenco, oh.

ah, dimenticavo è tutto in fri daunlò, sul bandcamp  http://sterbus.bandcamp.com/ di cui sopra

ah, dimenticavo (reprise), per farvi un’idea il suo gruppo preferito (così credo d’aver capito) sono i Cardiacs, che se non li conoscete che campate a fa’?

beccatevi ‘sto video magnifico:

Annunci
  1. Sterbus Jeeves
    19 novembre 2011 alle 16:39

    Grazie mille per la recensione positiva!!
    Già, i Cardiacs sono la mia band preferita (come direbbe una quattordicenne americana dei Jonas Brothers) e all’inizio dell’anno una mia cover andò pure su un loro tributo! Thanks again, cercate Sterbus su facebook!

    • 20 novembre 2011 alle 16:10

      non c’è di che, Emanuele, il disco è buono, m’è garbato parecchio e si merita più pubblicità possibile!
      sì, la cosa della band preferita è un po’ una caduta di stile, però non ho resistito, anche perché pure io sono un discreto fan dei Cardiacs 🙂
      complimentissimi per la cover (non sapevo avessero fatto un tributo alla band, questo mi rende meno fan??)

      se tra qualche tempo ripassi da queste parti, dovresti trovare anche una rece (anche se le mie non sono vere recensioni) su Chi ha ordinato gli spinaci?, altro lavoro che mi è piaciuto assai 😀

      grazie a te per l’intervento!!

      • Sterbus
        20 novembre 2011 alle 21:37

        Va benissimo, sono contento!

      • 21 novembre 2011 alle 17:21

        contentissimo anch’io, a presto!

  2. Sterbus
    23 dicembre 2012 alle 17:57

    Ehi mi sono perso il tuo contatto… volevo solo dirti che è uscito il mio nuovo lavoro e magari ti andava di buttarci un orecchio! http://sterbus.bandcamp.com/album/smash-the-sun-alight

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: