Home > recensione album > Burial – Kindred EP

Burial – Kindred EP

Autore: Burial

Titolo: Kindred

Genere: post-step, future garage, ambient

2012

Tout court: Burial non delude mai.

 

gli è uscito proprio un gran bell’eppì al mister Bevan, che ancora non si decide a regalarci un full-lenght degno di questo nome, però non ci lascia mai mai mai a bocca asciutta. con una vagonata di piccole ma significative uscite. ehssì, perché tralasciando lo split svogliato coi Massive Attack , s’è sempre trattato di robbetta di qualità, mica pizza e fichi. qui sono tre tracce lunghissime che messe insieme fanno la durata di un album degli Agoraphobic Nosebleed (all’incirca mezzora), e che segnano un deciso passo avanti nella ricercatezza delle composizioni. Burial va ascoltato di notte, quando la luna assomiglia a un enorme super santos finito chissà come nel nero della notte, e il cervello ha bisogno di suoni caldi eppure glaciali, di cose familiari ma anche di un po’ di strizza. a me è così che piace ascoltarlo, il nostro. e a voi?

vi propongo lo streaming, con relativa possibilità di acquisto:

streaming qui

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: