Archivio

Posts Tagged ‘bologna violenta’

Bologna Violenta – Utopie e piccole soddisfazioni

Autore: Bologna Violenta

Titolo: Utopie e piccole soddisfazioni

Genere: cybergrind, electro-grindcore, experimental, neo-classical, minimal, noise

2012

Tout court: cazzo cazzo cazzo!

 

 

allora, la notizia che tutti voi avrete saputo (a meno che non siete i residenti di quei 10-15 comuni isolati per via della neve, nel qual caso: tranquilli, il maltempo sta per finire) è che è uscito il nuovo lavoro di quel brighella di Nicola Manzan, uno che a questo blogghetto ci sta simpatico tanto così. nel caso vi stesse chiedendo di cosa tratta il presente discotto (oppure come farebbe un ipotetico residente dei 10-15 comuni isolato dal resto del mondo a leggere il mio messaggio di rassicurazione scritto sopra), vi posso solo dire che si tratta di Capolavoro, con la c maiscuola e in neretto. e non perché va tanto di moda dare del fico a Manzan, che- nell’eventualità, se ne fotterebbe beatamente dei miei e dei vostri complimenti, perché lui lo sa già, che è un fico- ma semplicemente perché mentre ascoltavo le 21 tracce (sì, esatto 21), ho riso come un babbuino dall’inizio alla fine, con picchi inusitati mentre scorreva “Remerda”, che ha un testo che Pasolini gli invidierebbe. e non ridevo così da quando, dodicenne, ascoltai Italyan, Rum Casusu Çikti degli Elii e il resto fu storia. ma c’è anche un altro motivo (più che altro una precisazione), se volete più profondo, per cui questo disco va ascoltato, ovvero che si ride sì, è vero, ma sì ride AMARO, di quell’amaro e anche vagamente cupo che poi alla fine, mentre la risata si spegne, dici “cazzo però…”. ecco, appunto. è esattamente questo che intendo.

non perdete tempo:

qui c’è lo streaming

i lincs:
maispeis
pagina feisbuc
bandcamp

CONDANNATEVI ALLA MORTE!

Annunci